gallery    exhibitions    news    blog   about me   copyright    contacts
Sembianze
 


Negli anni trascorsi a ritrarre le persone ho notato che dentro ognuno si nasconde un animale, più o meno palesato o nascosto dalla maschera che mostriamo agli altri.
Ognuno di noi vive in simbiosi con il nostro amico e ne interpreta il carattere, le fattezze o atteggiamento. Chi ha lo sguardo del lupo, chi la grazia del cerbiatto, chi la furbizia della volpe. In questo lavoro ho voluto enfatizzare queste sembianze, interpretando caratteri e caratteristiche, divagando fra fisiognomica e patognomica, nel tentativo di dar ‘voce’ all’animale nascosto in noi.


Fabio Rinaldi    

Con Sembianze Rinaldi entra nell’ immaginario simbolico di chi ritrae, cercandone il doppio, l’archetipo. L’ animale che ci si porta dentro, a sua – e spesso anche a nostra – insaputa. Fotografia e maieutica diventano allora un passo figurato, un salto nel vuoto, alla ricerca di un alter ego nascosto, di quella crepa - tra chi siamo e chi non sappiamo di essere – dove l’obiettivo arriva prima, arriva meglio. Senza paura.

Cristina Bonadei

 
 
     
 
 
 
 
 
Articoli e recensioni.

Forty-one shades of portrait

Si pensa sempre
che ciò che viene strappato al tempo
si trovi davanti alla macchina fotografica.
Ma non è del tutto vero.
Fotografare è un atto bidirezionale:
in avanti e all’indietro.
Certo, si procede anche “all’indietro”.
[…] Una fotografia è sempre un’immagine duplice:
mostra il suo oggetto
e – più o meno visibile –
“dietro”, il “controscatto”:
l’immagine di colui che fotografa al momento della ripresa.


Wim Wenders*

Parlare di fotografia porta con sé la semantica della soggettività declinata in tutte le sue possibilità. La più evidente, quella più sovversiva ed inquietante, è quella della alterità. Sono condannato a guardarmi attraverso lo sguardo arbitrario di chi mi fotografa. Non solo, ma anche a tentare di riconoscermi, di trovare un “io” in quel “me”, una familiarità con quella immagine che parla di me, dice di me, ma che mi trova spaesato, distante, per via dell’intenzionalità di chi mi ha costruito in immagine. Come se io non fossi io, non mi assomigliassi davvero, e quella grammatica di senso non fosse mia fino in fondo. Il ritratto fotografico parla una lingua che il soggetto stenta a comprendere, nella parzialità di un gesto, un’espressione, un tempo che diventa immortale: io che mi guardo cerco la verità di chi sono. E’ un’operazione, quella della fotografia, che ha a che fare con qualcosa che porta all’ anima, come ben intuivano gli Indiani d’ America che la temevano, pena la perdita della stessa. Fabio Rinaldi la conosce e la usa bene, questa arte – no, non di sola tecnica, trattasi – e crea una dialettica viva tra la sua soggettività di fotografo e l’oggettività di chi ritrae.
Forty-one shades of portrait è una galleria fisiognomica che raccoglie ed espande il profondo legame tra l’immagine ed il nostro mondo interiore, tra il dicibile e l’indicibile, il visibile e il non visibile. La struttura della Mostra si articola in una prima parte attraversata da una serie di ritratti di persone significative nel panorama culturale del Friuli Venezia Giulia, colti quasi in una prossimità domestica, famigliare. Nel loro habitat naturale e necessario. La seconda sezione di questo viaggio per immagini, in forma triadica, si articola ne L’ altra faccia del vero, Fugit inexorabile tempus e Sembianze, l’ultimo.

“Quanto la nostra conoscenza è in grado di confermare la giusta realtà delle cose. Quanto la logica influisce sull’apparenza delle cose”, dice Rinaldi ed è il plateau teoretico che attraversa l’artista. Restiamo sospesi tra visi pietrificati dall’ argilla e maschere, tramite verso il tragico, ma anche con la nostra essenza di umanità, vista l’etimologia stessa della parola persona: per attraverso sonar risuonare. Così era chiamata in antichità la maschera indossata dagli attori, che oltre a coprire il volto fungeva anche da amplificatore per la voce.

In Fugit inexorabile tempus abita l’aporia dell’immagine fotografica: “medium bizzarro, nuova forma di allucinazione: falsa a livello della percezione, vera a livello del tempo”, per dirla con Roland Barthes.  Ma la verità va cercata da altre parti, non in quell’ attimo fermato e mortificato, e perciò reso immortale. Altrove, nei dettagli, lì dove non è evidente.

Con Sembianze Rinaldi entra nell’ immaginario simbolico di chi ritrae, cercandone il doppio, l’archetipo. L’ animale che ci si porta dentro, a sua – e spesso anche a nostra – insaputa. Fotografia e maieutica diventano allora un passo figurato, un salto nel vuoto, alla ricerca di un alter ego nascosto, di quella crepa - tra chi siamo e chi non sappiamo di essere – dove l’obiettivo arriva prima, arriva meglio. Senza paura.

Cristina Bonadei

*Il passo di Wim Wenders citato è tratto da Claudio Marra, Le idee della fotografia. La riflessione teorica dagli anni sessanta a oggi, Bruno Mondadori, Pavia 2001, pp. 316-317.

 

 
 
non solo verdure
terra
sembianze
fugit inexorabile tempus
l'altra faccia del Vero
altre mostre