gallery    exhibitions    news    blog   about me   copyright    contacts
L'altra faccia del Vero.
 


Cos'è vero e cos'è falso, perché lo consideriamo vero o perché affermiamo sia falso,
in una società che ha fatto del vero il falso e viceversa che significato ha distinguere tra le due essenze?
La fotografia è indice o è icona? La fotografia è soggettiva perché rappresenta la selezione di un nostro oggettivo spazio di "verità" o la fotografia è oggettiva perché in quel rettangolo poteva starci solo quel singolo spazio di soggettiva verità. Le parole sono giochi e la fotografia può esserlo pure, altresì le parole possono ferire o uccidere e la fotografia sa far scomparire o palesare con la stessa facilità.
La maschera è uno dei travestimenti più antichi e immutati, usato dagli egizi per tramandare il proprio io, in africa per i colloqui con l'aldilà, in Grecia per dar vita alla tragedia.
Questo lavoro vuole farci riflettere sulla fugacità di queste considerazioni.
È più reale la maschera umanizzata da veri occhi o è più finto il vero volto pietrificato dall'argilla, eppure la maschera pulsa di vita, quanto le crepe dell'argilla sembrano pietrificare il volto vero.
Quanto la nostra conoscenza è in grado di confermare la giusta realtà delle cose. Quanto la logica influisce sull'apparenza delle cose.

Fabio Rinaldi

 
 
 
 
 
 

 

Articoli e recensioni.

Le immagini di Fabio Rinaldi, con le sue maschere umanizzate che si specchiano, in dialettica tensione con dei volti pietrificati, aprono un’indagine sull’essere e l’apparire. Dice infatti l’autore: “Cos’è vero e cos’è falso... in una società che ha fatto del vero il falso e viceversa, che significato ha distinguere tra le due essenze?” ... di Lorella Klun

(leggi tutto)

 
"L'altra faccia del vero" nelle fotografie di Rinaldi di Marianna Accerboni
04 febbraio 2011 — IL PICCOLO pagina 21 sezione: Trieste

(leggi tutto)
 
Fabio Rinaldi propone il tema dell’io/non io, attraverso una riflessione che parte dalle modifiche o modificazioni che egli riesce a sviluppare su un ritratto che trasforma, man mano, in maschera: l’artista parte dunque da alcuni tratti ben riconoscibili di un volto per condurci verso l’universalizzazione di un processo di straniazione. ... di Tatiana Rojc

(leggi tutto)
 

 

 

 
 
non solo verdure
terra
sembianze
fugit inexorabile tempus
l'altra faccia del Vero
altre mostre